Cous cous al pesto di mandorle

E quando finalmente sboccia l’estate vera, scatta la voglia di piatti freschi, da non riservare solo al weekend, ma da poter consumare ogni giorno. Piatti dunque, non troppo elaborati in modo da non perdere tempo ai fornelli e per non appesantirsi prima del lavoro, senza tuttavia rinunciare al sapore e alle cose genuine.

1464842283763

Questo cous cous al pesto di mandorle nasce proprio per venire incontro a queste esigenze e dalla voglia di appagare la vista oltre che il palato. Perfetto per una cena estiva in buona compagnia, ma facile da portare anche i ufficio o in piscina per un pranzetto veloce dopo una bella nuotata.

COUS COUS AL PESTO DI MANDORLE

INGREDIENTI
per 2 persone

100 gr di cous cous
1 cucchiaino di capperi sotto sale
Una manciata abbondante di mandorle pelate
Un ciuffo di finocchietto selvatico
Olio extravergine d’oliva
Una melanzana piccola

Vediamo insieme come si fa

Coprire il cous cous di acqua o brodo vegetale caldo e lasciar riposare qualche minuto poi unire un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva e sgranare con una forchetta o seguire le indicazioni della confezione

Dissalare i capperi sciacquandoli sotto l’acqua corrente, strizzare bene e frullare con un mixer, insieme alle mandorle

Unire un cucchiaio circa di olio e il finocchietto precedentemente lavato e tamponato

Frullare ancora fino ad ottenere una crema omogenea anche se granulosa

Lavare le melanzane, tagliare a cubettoni e grigliare in una padella antiaderente, prestando attenzione a dorare su tutti i lati e aggiustare di sale

Impiattare il cous cous condito e amalgamato bene con il pesto di mandorle e affiancare o sovrapporre gli spiedini
preparati con le melanzane grigliate

NOTE

Per ottenere un pesto più fluido diluire con poco brodo o acqua di cottura del cous cous

Potete seminare, come faccio io, il finocchietto selvatico in primavera in un vasetto in terrazzo da tenere a portata di mano oppure potete trovarlo al supermercato

A me piace mantenere il cous cous al dente quindi non lo lascio troppo a lungo nell’acqua calda o brodo prima di passare a condire