Peperoni ripieni con seitan

Questi peperoni ripieni con seitan nascono con la voglia e l’aspettativa di essere quello che sono: una pietanza appagante, ricca di gusto, colore e cosa non trascurabile, proteine vegetali.
Mi ritrovo anche a fare i conti con bellissimi ricordi.
L’immagine di mia nonna, che imbottiva e appolpettava qualsiasi cosa per recuperare gli avanzi, e della sua cucina, una stanza spaziosa e modesta allo stesso tempo in cui però non mancava nulla.
Già dall’ingresso, sentivo odore di buono, ma la cosa più buona era Lei.
Una donna di grande femminilità e di grande cuore per chiunque bussasse alla sua porta.
Estroversa, eppure i pochi sorrisi rivelavano le tante traversie del passato, ma anche un animo sensibile al di là del piglio deciso.

Qualcuno, francamente non so chi, ha scritto fra le migliaia di parole che si sprecano sui social, nel tentativo di apparire vagamente interessanti (o più intelligenti di quanto si sia realmente), che “è strano come le persone sensibili si fanno contente con poco e si feriscono con nulla”.
Io dico “è strano che qualcuno si stranisca” e tuttavia è l’ennesima conferma, che di persone menefreghiste (e misere) è pieno il mondo.
E si vede.
Purtroppo.

1457966919897

PEPERONI RIPIENI CON SEITAN

INGREDIENTI
Per 2 persone

2 peperoni rossi non tanto grandi
2 patate
Seitan fresco
Pan grattato
Un generoso ciuffo di prezzemolo
Aglio
Sale
Pepe
Noce moscata (facoltativa)
Olio extravergine d’oliva

1457967093775

Vediamo insieme come si fa

Lessare le patate in acqua bollente salata, eliminare la pelle e schiacciarle per bene con una forchetta

Tritare il seitan e unire alle patate

Condire con un giro d’olio, pepe, noce moscata se piace e aggiustare eventualmente di sale

Unire il prezzemolo lavato e tritato e amalgamare

Lavare i peperoni, tagliare la calottina e tenere da parte, eliminare i semi

Riempire i peperoni con il composto, inserire uno spicchio d’aglio intero in modo da poterlo in seguito accantonare facilmente pur mantenendo l’aroma o se si ama si può tritare e unire al ripieno

Cospargere la superficie con pangrattato, versare un goccio d’olio e disporre in una pirofila rivestita di carta forno

Infornare per circa mezz’ora o finché saranno cotti a 180° (i peperoni devono essere un po ‘ raggrinziti) con le calottine a parte da utilizzare eventualmente per presentare

NOTE

In versione vegetariana si può aggiungere formaggio grattugiato e un uovo all’impasto ma non non sono indispensabili ai fini del gusto se si dosano bene gli altri ingredienti

Precedente BULGUR di primavera Successivo Tartufi vegani al cioccolato