Sedanini con crema di biete al gorgonzola

La scorsa notte si è consumato un fragoroso temporale, ed io me lo sono goduto dal mio lettuccio, tranquilla come una bimba a cui il cielo ha deciso di cantare un’antica ninna nanna.
Non so se è così per tutti, ma io adoro i temporali. Il tamburellare ritmico e incessante dei tuoni non mi spaventa affatto e il bagliore dei lampi mi riempie di curiosità ed energia.
Certo, sarebbe diverso se mi trovassi in mezzo al traffico e avessi un appuntamento (al quale arriverei puntualmente in ritardo)…so già che mi innervosirei un po’, ma potermi, invece, concedere il tempo di ascoltare lo scrosciare della pioggia è una di quelle piccole cose quotidiane che apprezzo.
Forse è un retaggio d’infanzia o forse, come qualcuno mi ha suggerito, ho una personalità ben strutturata.

Ad ogni modo, il mattino seguente, ho effettuato una veloce ricognizione del giardino e soprattutto dell’orto, zona che, dopo la pioggia, diventa ad alto tasso di chiocciole e limacce bramose d’insalatina fresca di cui, senza il mio intervento, non resterebbero che gli steli striminziti e sorte analoga toccherebbe alle bietoline ancora giovani e tenere.
E già che c’ero, ne ho approfittato per raccogliere qualcosa, pensando al pranzo…

1423574703095

SEDANINI CON CREMA DI BIETE AL GORGONZOLA

INGREDIENTI
Per 4-6 persone

320 gr di pasta ( per me sedanini)
200 gr di biete
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
200 gr di gorgonzola
2-3 cucchiai di latte

Vediamo insieme come si fa

Scottare per pochi minuti le foglie delle bietoline, precedentemente lavate, in acqua bollente salata

Scolare e tenere da parte l’ acqua, fare raffreddare, strizzare, tritare e insaporire in padella con l’aglio e l’olio

Frullare le bietoline, unire la gorgonzola sciolta con il latte a fiamma bassa o al microonde e amalgamare

Cuocere nell’acqua delle biete, la pasta, scolare e condire con la crema al gorgonzola, diluita se necessario, con poca acqua di cottura

1423565224160

NOTE

Una buona alternativa alle biete sono gli spinaci

Cuocere la pasta in acqua nuova se si teme che possa assumere un sapore troppo marcato usando l’acqua di cottura delle biete

Precedente Menù bello e vegano per instamamme Successivo Friselle al pesto di pistacchi e stracciatella